Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ixekizumab, un antagonista della interleuchina-17A nel trattamento della spondilite anchilosante o spondiloartrite assiale radiografica nei pazienti non-trattati con farmaci biologici antireumatici modificanti la malattia: studio COAST-V


I farmaci biologici antireumatici modificanti la malattia ( bDMARD ) sono raccomandati per la spondiloartrite assiale radiografica, altrimenti nota come spondilite anchilosante, quando le terapie convenzionali non sono efficaci.

Sono stati riportati i dati di efficacia e sicurezza di Ixekizumab ( Taltz ), un anticorpo monoclonale ad alta affinità mirato selettivamente all'interleuchina-17A ( IL-17A ), nei pazienti con spondiloartrite assiale radiografica che non sono stati precedentemente trattati con bDMARD.

In questo studio di fase 3, di superiorità, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di Ixekizumab, pazienti adulti con risposta inadeguata o intolleranza ai farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), una diagnosi accertata di spondiloartrite assiale radiografica, sacroileite radiografica definita centralmente dai criteri di New York modificati, e almeno una caratteristica di spondiloartrite secondo i criteri ASAS ( Assessment of SpondyloArthritis international Society ), sono stati reclutati da 84 Centri in 12 Paesi in Europa, Asia e Nord America.

I pazienti sono stati randomizzati a 80 mg di Ixekizumab sottocutaneo ogni 2 ( Q2W ) o 4 ( Q4W ) settimane, 40 mg di Adalimumab Q2W ( gruppo di riferimento attivo ), o placebo.

L'obiettivo principale era confrontare la percentuale di pazienti che raggiungevano una risposta ASAS40, una misura composita di miglioramento clinico nella spondiloartrite assiale, alla settimana 16 per entrambi i gruppi di trattamento con Ixekizumab rispetto al gruppo placebo.

Il gruppo di riferimento con Adalimumab è stato incluso come riferimento attivo per il confronto con il placebo per fornire un contesto aggiuntivo all'interpretazione dei risultati dello studio su Ixekizumab.

Tra il 2016 e il 2017, 341 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo placebo ( n=87 ), Adalimumab ( n=90 ), Ixekizumab Q2W ( n=83 ) o Ixekizumab Q4W ( n=81 ).

Alla settimana 16, rispetto al placebo ( 16 su 87, 18% ), più pazienti avevano raggiunto ASAS40 con Ixekizumab Q2W ( 43 su 83, 52%; P minore di 0.0001 ), Ixekizumab Q4W ( 39 su 81, 48%; P minore di 0.0001 ) e Adalimumab ( 32 su 90, 36%; P=0.0053 ).

Una infezione grave si è verificata in ciascuno dei gruppi Ixekizumab Q2W ( 1% ), Ixekizumab Q4W ( 1% ) e Adalimumab ( 1% ); nessuna è stata segnalata con placebo.

Una infezione ( 1% ) da Candida si è verificata nel gruppo Adalimumab e un paziente ( 1% ) che ha ricevuto Ixekizumab Q2W è stato giudicato con probabile malattia di Crohn.

Non si sono verificate infezioni opportunistiche, tumori maligni o decessi.

Ciascun regime posologico di Ixekizumab è risultato superiore al placebo per il miglioramento dei segni e dei sintomi della spondiloartrite assiale radiografica nei pazienti non precedentemente trattati con bDMARD; il profilo di sicurezza era coerente con le precedenti indicazioni di Ixekizumab. ( Xagena2018 )

van der Heijde D et al, Lancet 2018; 392: 2441-2451

Reuma2018 Farma2018


Indietro