Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

Il blocco di interleuchina-17 con Secukinumab nella spondiloartrite periferica influisce sull'immunopatologia sinoviale senza compromettere le risposte immunitarie sistemiche


Secukinumab ( Cosentyx ), una anti-interleuchina-17A, anti-IL-17A) è una terapia efficace per la spondilite anchilosante e l'artrite psoriasica, le forme prototipo di spondiloartrite ( SpA ).
Si è determinato se Secukinumab moduli l'immunopatologia delle lesioni bersaglio senza smorzare le risposte immunitarie sistemiche, utilizzando la spondiloartrite periferica come modello.

20 pazienti con spondiloartrite periferica attiva sono stati inclusi in uno studio in aperto di 12 settimane con Secukinumab ( 300 mg una volta a settimana dal basale alla settimana 4 e successivamente ogni 4 settimane ).

Gli esiti includevano risposta clinica, produzione di citochine da parte delle cellule del sangue periferico utilizzando la tecnologia TruCulture e analisi della reazione a catena della polimerasi quantitativa in tempo reale ( RT-PCR ) e analisi istologica di campioni di biopsia sinoviale prima e dopo il trattamento.

Tutti i pazienti hanno completato lo studio di 12 settimane senza eventi avversi gravi o eventi avversi gravi correlati al trattamento.

L'endpoint di efficacia, il numero di pazienti che hanno raggiunto i criteri di miglioramento del 20% dell'American College of Rheumatology ( risposta ACR20 ) a 12 settimane, è stato raggiunto da 13 dei 20 pazienti, di cui 8 hanno ottenuto una risposta ACR50 e 5 hanno raggiunto una risposta ACR70, con miglioramenti rapidi e significativi in ​​tutte le misure di attività clinica.

Il miglioramento clinico della conta delle articolazioni è stato associato a una diminuzione istologica dei macrofagi ( P=0.028 ) e dei neutrofili ( P=0.004 ) nel sublining sinoviale, entrambi sensibili biomarcatori sinoviali di risposta infiammatoria nella spondiloartrite periferica, così come con la ridotta espressione sinoviale di RNA messaggero ( mRNA ) per IL-17A ( P=0.010 ) ma non di mRNA del fattore di necrosi tumorale ( TNF ).

Dal punto di vista sistemico, il trattamento con Secukinumab ha diminuito il livello di proteina C-reattiva e il tasso di sedimentazione degli eritrociti ( entrambi P minore di 0.01 ) e ha diminuito anche la produzione di metalloproteinasi della matrice 3 nel sistema TruCulture ( P minore di 0.05 ).
Tuttavia, con l'eccezione di IL-17A, la capacità delle cellule del sangue periferico di produrre un ampio panel di citochine e chemochine alla stimolazione con antigeni microbici non è stata influenzata.

In conclusione, questo studio del meccanismo d'azione della spondiloartrite periferica ha indicato che il miglioramento clinico con il trattamento con Secukinumab è accompagnato da immunomodulazione di tessuti bersaglio infiammati senza compromissione delle risposte immunitarie sistemiche. ( Xagena2018 )

van Mens LJJ et al, Arthritis & Rheumatology 2018; 70: 1994-2002

Reuma2018 Farma2018


Indietro