Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

Terapia pulsata per via endovenosa con Metilprednisolone nel trattamento delle riacutizzazioni di malattie immuno-mediate


I glucocorticoidi sono ampiamente utilizzati nel trattamento delle malattie immuno-mediate.
Nonostante il loro uso diffuso, i dettagli sul dosaggio, l'efficacia e gli effetti negativi devono ancora essere determinati.

Si è cercato di conoscere l'uso corrente di Metilprednisolone ( MTP ) nella gestione delle condizioni immuno-mediate, valutando la relazione tra le dosi, la risposta terapeutica e gli effetti avversi.
È stato progettato uno studio multicentrico di coorte retrospettivo, che ha compreso i pazienti che hanno ricevuto terapia pulsata per via endovenosa a base di Metilprednisolone tra il 2013 e il 2015 in tre diversi ospedali in Uruguay.

I pazienti inclusi hanno ricevuto Metilprednisolone per trattare malattie autoimmuni sistemiche, malattie ematologiche, nefrologiche, neurologiche e altre.
Sono state analizzate le seguenti variabili: età, sesso, dose cumulativa di Metilprednisolone, durata del trattamento, risposta clinica ( completa, parziale e nessuna risposta ) ed effetti avversi.

In totale, sono stati identificati 164 casi, di cui 118 ( 72% ) erano di sesso femminile. L'età media era di 48.4 anni.

Le indicazioni per Metilprednisolone includevano: casi di malattie neuroimmuno-mediate 92 ( 56.1% ), 29 malattie autoimmuni sistemiche ( 17.5% ), 15 ematologiche ( 9.1% ), nefrologiche 12 ( 7.3% ) e altre 16 ( 9.9% ).

La dose media per ottenere una risposta completa era di 3.2 g; la dose mediana per ottenere una risposta parziale era di 3.5 g; la dose media per i non-responder era 3.3 g ( P maggiore di 0.05 ).

La dose mediana nei pazienti con effetti avversi era di 3.4 g e la dose mediana per coloro che non hanno manifestato effetti avversi era di 3.3 g ( P maggiore di 0.05 ).
Gli effetti avversi più frequenti erano infettivi ( 22/164, 13.4% ).
I pazienti diabetici hanno presentato la più alta incidenza di reazioni avverse ( 13/16, 81% ) rispetto ai non-diabetici ( P minore di 0.05 ).

Lo studio ha mostrato un'ampia gamma di dosi e durata dei trattamenti con Metilprednisolone.
Nessuna importante associazione è stata trovata tra la risposta clinica e l'uso di dosi elevate di Metilprednisolone, ma quest'ultima è stata associata a una grande percentuale di infezioni gravi.
Non sono state identificate infezioni gravi con dosi di Metilprednisolone inferiori a 1.5 g.

È noto che la popolazione diabetica sia a rischio di vari effetti avversi con Metilprednisolone. Queste osservazioni rafforzano la necessità di utilizzare un protocollo per il Metilprednisolone al fine di ottenere una migliore relazione tra le dosi, l'efficacia e il profilo di sicurezza. ( Xagena2018 )

Danza A et al, Lupus 2018; 27: 1177-1184

Reuma2018 Farma2018


Indietro