Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia e tollerabilità di Pegloticase per il trattamento della gotta cronica in pazienti refrattari al trattamento convenzionale


Pazienti con gotta cronica disabilitante e refrattaria alla terapia tradizionale per la riduzione delle concentrazioni di urato hanno bisogno di trattamenti tempestivi per controllare le manifestazioni della malattia correlate all’accumulo di cristalli di urato nei tessuti.

Pegloticase ( Krystexxa ), un’uricasi ricombinante di mammifero monometossi polietilen glicole coniugata, è stata sviluppata per soddisfare questo bisogno.

Sono stati condotti due studi replicati, randomizzati, in doppio cieco e placebo controllati ( C0405 e C0406 ) per valutare l’efficacia e la tollerabilità di Pegloticase nella gestione della gotta refrattaria cronica.

Gli studi sono stati condotti nel periodo 2006-2007 in 56 Centri di reumatologia in Stati Uniti, Canada e Messico in pazienti con gotta grave, intolleranza o refrattarietà all’Allopurinolo e concentrazione sierica di acido urico uguale o superiore a 8.0 mg/dL.

In totale sono stati coinvolti 225 pazienti: 109 nello studio C0405 e 116 in quello C0406.

I trattamenti previsti negli studi erano: 12 infusioni bisettimanali intravenose contenenti Pegloticase 8 mg a infusione ( gruppo trattamento bisettimanale ), Pegloticase alternata a placebo nell’infusione successiva ( gruppo trattamento mensile ) o placebo ( gruppo placebo ).

L’endpoint primario erano i livelli plasmatici di acido urico inferiori a 6.0 mg/dL nei mesi 3 e 6.

Nello studio C0405 l’endpoint primario è stato raggiunto in 20 su 43 pazienti nel gruppo trattamento bisettimanale ( 47% ), 8 su 41 nel gruppo trattamento mensile ( 20% ) e in 0 pazienti trattati con placebo ( 0/20; P inferiore a 0.001 e inferiore a 0.04 per i confronti tra gruppi bisettimanale e mensile vs placebo, rispettivamente ).

Tra i pazienti trattati con Pegloticase nello studio C0406, 16 su 42 nel gruppo trattamento bisettimanale ( 38% ) e 21 su 43 in quello trattamento mensile ( 49% ) hanno raggiunto l’endpoint primario; nessun paziente del gruppo placebo ha raggiunto l’endpoint primario ( 0/23; P=0.001 e inferiore a 0.001, rispettivamente ).

Quando sono stati uniti i dati dei 2 studi, l’endpoint primario è stato raggiunto in 36 su 85 pazienti nel gruppo a trattamento bisettimanale ( 42% ); 29 su 84 pazienti nel gruppo trattamento mensile ( 35% ) e 0 su 43 pazienti nel gruppo placebo ( 0%; P inferiore a 0.001 per ciascun confronto ).

Tra la randomizzazione e la chiusura del database dello studio ( febbraio 2008 ) si sono verificati 7 decessi ( 4 in pazienti trattati con Pegloticase e 3 nel gruppo placebo ).

In conclusione ,tra i pazienti con gotta cronica, livello sierico elevato di acido urico e intolleranza o refrattarietà all’Allopurinolo, l’utilizzo di Pegloticase alla dose di 8 mg ogni 2 settimane o ogni 4 settimane per 6 mesi ha portato a livelli inferiori di acido urico rispetto al placebo. ( Xagena2011 )

Sundy JS et al, JAMA 2011; 306: 711-720

Reuma2011 Farma2011


Indietro