Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

Canakinumab, un anticorpo anti-IL-1beta somministrato ogni 3 mesi riduce della metà il rischio di attacco di gotta


I nuovi dati dello studio CANTOS hanno mostrato che Canakinumab somministrato ogni 3 mesi a dosaggi diversi è associato a un rischio significativamente ridotto di attacchi di gotta, senza modificare le concentrazioni sieriche di acido urico.

Sebbene una precedente ricerca avesse stabilito che gli inibitori dell'interleuchina 1-beta ( IL-1-beta ), come Canakinumab ( Ilaris ), possano ridurre gli eventi cardiovascolari e la mortalità da carcinoma ai polmoni, ed abbreviare gli attacchi di gotta, nessuno studio aveva esaminato se l'inibitore di IL-1-beta sia in grado di prevenire completamente gli attacchi di gotta.

Per valutare se Canakinumab sia in grado di ridurre il rischio di attacchi di gotta e se le concentrazioni sieriche basali di acido urico abbiano un impatto, è stata condotta una analisi post hoc dei dati dello studio CANTOS, confrontando i tassi di attacchi di gotta tra i pazienti ( n = 6.717 ) che avevano ricevuto tre diversi dosaggi di Canakinumab ( 50 mg, 150 mg e 300 mg ) ogni 3 mesi fino al termine dello studio.
Inoltre, i ricercatori hanno utilizzato i modelli di regressione dei rischi proporzionali di Cox per confrontare il tasso di attacchi di gotta tra i pazienti con concentrazioni sieriche basali variabili ( 404.5 mol/L, da 404.6 mol/L a 535.3 mol/L e 535.4 mol/L ).

Dallo studio è emerso che il rischio di un primo attacco di gotta è stato ridotto del 52% ( hazard ratio, HR = 0.48; IC 95%, 0.36-0.63 ) tra i pazienti trattati con Canakinumab, rispetto al placebo.
Questo effetto è stato osservato a tutti i dosaggi impiegati di Canakinumab e non era legato a una storia di gotta.

E' stato evidenziato che sebbene Canakinumab non abbia influenzato i livelli sierici di acido urico nel tempo, ha ridotto significativamente i tassi di attacchi di gotta a tutte le concentrazioni sieriche basali di acido urico: 0.4 ( IC 95%, 0.22-0.73 ) per pazienti con concentrazioni di acido urico basali di 404.5 mol/L o valore inferiore; 0.48 ( IC 95%, 0.31-0.74 ) per pazienti con 404.6 mol/L fino a 535.3 mol/L; e 0.45 ( IC 95%, 0.28-0.72 ) per i pazienti con 535.4 mol/L o livelli superiori.

Contrariamente ai dati precedentemente riportati dallo studio CANTOS per gli eventi avversi cardiovascolari avversi e il tumore del polmone, la riduzione del rischio di attacchi di gotta non dipendeva dal dosaggio di Canakinumab.
Poiché i benefici erano profondi e sono stati osservati con il dosaggio di Canakinumab più basso, i dati hanno fornito la prova del fatto che l'inibizione di IL-1-beta a basse dosi potrebbe prevenire l'incidenza di attacchi di gotta, in particolare tra i pazienti nei quali le attuali terapie hanno fallito. ( Xagena2018 )

Fonte: Annals of Internal Medicine, 2018

Reuma2018 Farma2018


Indietro